L’allevamento è fiore all’occhiello dell’economia sarda. Allevare bovini in Sardegna è pratica antica che affonda le radici nella tradizione e oggi, grazie all’innovazione, può raggiungere vette qualitativamente importanti. Proprio per questo la Regione e l’assessorato dell’agricoltura e riforma agro-pastorale – che hanno l’allevamento e il benessere degli allevatori come priorità in cima all’agenda di settore – puntano senza esitazione sul supporto al comparto, da realizzare attraverso interventi mirati e volti al miglioramento della qualità di vita dei produttori, dei cicli di produzione e del prodotto finale (la carne bovina, appunto).

Ieri è stato pubblicato il bando regionale per la concessione di contributi utili all’acquisto di riproduttori bovini maschi e fattrici femmine di qualità pregiata, purché registrati/e per albo genealogico e nei registri di razza. Sul sito della Regione sono a disposizione tutte le specifiche e i dettagli inerenti la presentazione della domanda. Ammissibili saranno considerati tutti gli acquisti effettuati sino al prossimo 30 novembre 2024 ed a partire dallo scorso 1 luglio 2023.

Obiettivo? Un concetto volutamente ribadito: migliorare la qualità per incrementare il livello qualitativo e competere sui mercati. “Abbiamo eccellenze da valorizzare. Ma per essere valorizzate le eccellenze della nostra produzione agro pastorale devono essere sostenute. La Regione non è indifferente, anzi è molto attenta alle dinamiche che regolano i processi produttivi – spiega l’assessore Gian Franco Satta -. Dare il giusto valore alle cose significa scommettere sulla qualità. Lavorare con qualità, produrre carne di qualità, significa migliorare gli standard di vita degli allevatori e mettere i produttori di Sardegna nelle condizioni di competere. E di eccellere. Questo bando punta a raggiungere questo obiettivo. Dobbiamo sempre essere capaci di ascoltare, e pronti a intervenire in maniera efficace”.